Serrenti


Foto di Stefano Ferrando

Serrenti
Il materiale costruttivo prevalente è la trachite, nota come “Pietra di Serrenti”. Fondamentale anche nelle case in terra, è riconoscibile nei pilastri dei loggiati, negli stipiti di finestre e portali, negli archi e talvolta nelle fondazioni. Oggi Serrenti è impegnato nella diffusione delle conoscenze sulla terra. Ha realizzato ex novo la “Vetrina in terra cruda”, che attualmente ospita il Laboratorio Arti della Terra, dove, periodicamente, l’Università di Cagliari organizza corsi e laboratori sul materiale. In passato era chiamato il paese delle sette Chiese: tra tutte, quella di Santa Vitalia, è la più conosciuta. Molto venerata, la Santa è celebrata il primo lunedì di ottobre. Imperdibili la tradizionale processione, il celebre dolce "Pistoccheddu de Serrenti", il pesce arrosto e i fuochi d’artificio. Da segnalare il parco-belvedere Monti Mannu, le rocce “Perda longa” e “Sa Filla” sulla SS 131 e un Pozzo Sacro vicino ad un raro bosco di querce da sughero. Nelle omonime località sono presenti i rinvenimenti nuragici di Nuraxi Oliri, Bruncu Su Nuraxi e Sa Tellura.