LA TERRA E'... PATRIMONIO...TECNOLOGIA...PAESAGGIO

LA TERRA E’

Il progetto, realizzato dall’Ecomuseo delle case di Terra Villa Ficana e dall’Associazione Internazionale Città della Terra Cruda, con il patrocinio dei comuni di Macerata, Treia, Montegranaro e Mogliano, si connota come un percorso per spiegare cosa sia, cosa sia stata e cosa possa essere la costruzione in terra cruda, attraverso un ciclo di incontri con taglio eminentemente divulgativo.

Ci si propone di raggiungere il pubblico locale - soprattutto i professionisti, ma anche gli amministratori, gli studenti, i proprietari - per illustrare la ricchezza e la complessità dell’architettura in terra cruda nelle varie regioni italiane ed in Europa, sia nei suoi aspetti storico tipologici, sia nelle sue espressioni attuali.

La formula sarà quella della presentazione di libri, che abbiano per oggetto i temi proposti, o di resoconti, che riguardino esperienze di lavori e progetti realizzati (con particolare riguardo alle ricadute sul territorio). Ogni sezione è articolata in due o tre incontri da 3 ore l’uno, tenuti dagli autori e da alcune figure di riferimento in relazione al tema trattato. L’iniziativa, patrocinata dagli ordini professionali, si prevede rilasci crediti formativi.

Il coordinamento generale è curato dall’arch. Anna Paola Conti

 

LA TERRA È (UN) PATRIMONIO

IL MODULO SI FOCALIZZERÀ SULLA DIFFUSIONE E LE CARATTERISTICHE DELLE ARCHITETTURE DI TERRA IN ITALIA.

 

MACERATA - 25 GENNAIO 2018 – ore 15.00/18.00

Giovanni Carlo Fiappo - Ispettore Onorario Soprintendenza Archeologica Friuli Venezia Giulia

“Architetture di terra in Friuli tipologie, tecnologie, materiali: 20 anni di ricerche”

Rosario Chimirri - Architetto, Università della Calabria

“Paesi di Calabria. Insediamenti e culture dell’abitare”

 

MONTEGRANARO – 22 FEBBRAIO 2018 – ore 15.00/18.00

Gianfranco Conti - Architetto, Comitato Scientifico Città della Terra Cruda

“Terra cruda - Insediamenti in provincia di Chieti “

Pierluigi Salvati - Architetto, MIBACT

“Architetture di terra nelle Marche “

Maria Chiara Esposito - Giornalista

“Questa è la mia terra-immagini e racconti delle case di terra in Italia”

 

 

LA TERRA È TECNOLOGIA

IL MODULO AFFRONTERÀ LE COMPLESSE TEMATICHE DELL’INTERVENTO SULL’ESISTENTE, DEL RECUPERO E DELLA POSSIBILITÀ DI “TRAGHETTARE” CORRETTAMENTE QUESTO PATRIMONIO NELLA REALTA’ EDILIZIA ATTUALE. CONTESTUALMENTE SI RACCONTERA’ ANCHE QUALE SIA LA RICCHEZZA DELLA PRODUZIONE SCIENTIFICA INTERNAZIONALE IN QUESTO AMBITO, A CONFERMA DEL LIVELLO DI CONOSCENZA E CONTROLLO OGGI RAGGIUNTO.

 

TREIA – 15 MARZO 2018 ore 15.00/18.00

Gaia Bollini - Architetto, Comitato Scientifico Città della Terra Cruda

“Terra battuta: tecnica costruttiva e recupero. Linee guida per le procedure d'intervento”

Maddalena Achenza - Architetto, Comitato Scientifico Città della Terra Cruda

Anna Paola Conti - Architetto, Comitato Scientifico Città della Terra Cruda

“Il recupero di una casa in terra. L'atterrato di Contrada Fontevannazza a Treia. I saperi ritrovati”

 

MOGLIANO – 12 APRILE 2018 ore 15.00/18.00

IL RESTAURO

Il racconto del restauro di Borgocapo e di Casa di Teresa a Casalincontrada in Abruzzo”

Gianfranco Conti - Stefania Giardinelli

“Il racconto del recupero della biblioteca di Samassi in Sardegna”

Ignazio Garau - Architetto, Comitato Scientifico Città della Terra Cruda

“Il racconto del recupero di cascinali in pisè a Novi Ligure e le tematiche dell’adeguamento prestazionale”

Gaia Bollini - Architetto, Comitato Scientifico Città della Terra Cruda

 

LA TERRA È PAESAGGIO

IL MODULO INDAGHERA’ I PAESAGGI MARGINALI (E TRA QUESTI LE CASE DI TERRA), REALTA’ CHE ATTRAVERSO UNA «RIVOLUZIONE DELLO SGUARDO» POSSONO ESSERE STRUMENTO FECONDO PER DISEGNARE UN NUOVO PAESAGGIO

 

MACERATA – 24 MAGGIO 2018 ore 15.00/18.00

Antonella Tarpino - Storica e saggista

“Il Paesaggio fragile. L’Italia vista dai margini”  

 

Questo itinerario inconsueto tra i paesaggi ai margini del nostro Paese intende volutamente «far girare la testa». Forza il quadro ormai desueto della cartografia politica per ri-raccontare i luoghi. Fa affiorare

territori nascosti. Riporta in vita voci, visioni e suoni di chi quei paesaggi ha disegnato nel tempo. Ma come dare un futuro al paesaggio fragile, la montagna povera e gli interni (in Italia più della metà del

territorio)? In via preliminare con una rivoluzione dello sguardo che - forte delle parole degli scrittori e delle immagini dei pittori - ripari la memoria tradita di quei luoghi: lungo le valli frontaliere delle Alpi Marittime, le antiche vie del sale appenniniche e il paesaggio delle case in terra cruda dall'Adriatico al Tirreno. È un racconto alla rovescia quello che emerge dalle testimonianze dei mulattieri, dei mercanti di capelli, dei suonatori ambulanti. Dove il loro perdersi e poi ritrovarsi nella memoria - che è contaminazione tra passato e

progetti di futuro - ci svela direzioni di senso.

 

Per informazioni: www.ecomuseoficana.it - museovillafacana@gmail.com

 

Segreteria organizzativa: Martina Fermani 0733.470761

AllegatoDimensione
locandina LA TERRA E'.jpg776.2 KB